La specie più evoluta…

agg_cartavoccd_i00012b

Un quotidiano marchigiano ha dedicato ieri un articolo al ritrovamento di un gheppio ferito da parte di Achille, un bambino di quattro anni che ha dato il via alle operazioni di recupero.

Ovviamente il mio grazie va ad Achille che ha permesso all’animale di ricevere delle cure, e alla madre che probabilmente anche grazie alla sua professione è riuscita a far pubblicare la notizia sul quotidiano.

img-20161021-wa0002

Peccato che si sia però persa l’occasione di riflettere e di informare i lettori su alcune questioni:

  1. Nell’articolo si dice che al falco è stato sparato, da parte di un cacciatore che “deve averlo scambiato per una tortora“. Il fatto in questione costituisce un grave reato, e il cacciatore che l’ha commesso dovrebbe essere, in un Paese civile, identificato e perseguito legalmente. Magari chi ha scritto l’articolo non lo sa, ma far passare un reato per una svista è ingiusto e pericoloso.
  2. Si legge ancora, poco più avanti, che il gheppio “potrebbe perdere un’ala e non riuscire più a volare. Se non dovesse più essere in grado di volare – spiega il falconiere (e come mai, mi chiedo, non il Medico Veterinario che lo sta curando?) – verrà ospitato in una grande voliera nel centro recuperi dei rapaci (se qualcuno mi spiega dov’è il centro, da chi e come viene gestito gliene sarò grata) e vivrà bene lo stesso“. Ecco, questa affermazione la trovo veramente inaccettabile, almeno tanto quanto la frase che chiude l’articolo,  “I falchi vengono utilizzati anche per allontanare i piccioni dai centri storici”…

Finché continueremo a parlare di utilizzo degli animali, finché continueremo a pensare di poter decidere per la loro vita, finché ci arrogheremo il diritto di affermare con leggerezza che un uccello, oltretutto selvatico, privato di un’ala e quindi della possibilità di volare vivrà bene lo stesso recluso in una gabbia, credo che abbiamo ancora tanta ma tanta strada da fare prima di poterci considerare una specie evoluta…

Foto: sterna.it

Annunci

2 pensieri su “La specie più evoluta…

  1. Mamma mia un articolo abominevole pieno di superficialità….le ricordo che la falconeria è patrimonio dell’umanità,e che gli animali possono essere usati se si ha deontologia….e i falconieri,con la F maiuscola,sono dei grandi esperti che non fanno mancare niente ai falchi….quindi prima sparare sentenze,la invito a allargare la sua conoscenza in materia.

    Mi piace

    • Buongiorno Mario, il mio è un post di riflessioni personali che come tali, che lei sia d’accordo o meno, vanno rispettate. Se legge con attenzione noterà che non c’è alcun commento sulla falconeria o sui falconieri in generale, non parlo mai per categorie perché lo trovo francamente poco utile. Conosco falconieri che sono brave persone ed altri pessime, come in qualunque altra categoria. Quello che fermamente non condivido è il concetto di “utilizzo” degli animali da parte di uomini e donne, che sia per la caccia, il lavoro, la guardia, la compagnia, le mostre o qualunque altra cosa non fa differenza. Le parole contano e hanno un peso, sempre. Per quanto riguarda il suo riferimento alla mia preparazione, trova il mio curriculum in rete, è costantemente aggiornato. Non parlo mai di argomenti che non conosco molto bene. Le auguro una buona giornata.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...