Cibo per la pace

p141794-620x350

 

Le librerie sono sempre state per me fonte di meraviglia, uno dei luoghi di cui non potrei fare a meno. Le vetrine e gli scaffali pieni di volumi hanno su di me una tale attrattiva che in ogni posto che visito diventano una tappa obbligata. La fascinazione che da sempre subisco non smette di sorprendermi, i libri in qualche modo scelgono di essere letti, l’ho sempre pensato. Questo libro non fa eccezione, non avevo in mente di acquistarlo e invece non ho saputo resistergli… e per fortuna direi, è stata una di quelle letture che cambiano inevitabilmente il tuo modo di guardare al mondo…

“Da Pitagora nell’antica Grecia a Platone e Plotino, dai profeti dell’Antico Testamento ai primi fondatori della Chiesa, da Gautama Buddha a Leonardo da Vinci sono innumerevoli i maestri spirituali, i filosofi, i grandi pensatori che hanno approfondito l’importanza di approcciarsi all’assunzione del cibo con consapevolezza e rispetto. L’atto del mangiare ha un ruolo primario nelle società di tutti i luoghi e di tutti i tempi, religione, economia, politica conferiscono al cibo significato e potere, e proprio per il potere antiche popolazioni nomadi nella regione curda del Nord-Est dell’Iraq, tra le prime a sottomettere e mercificare gli animali, si mossero alla conquista di tribù pacifiche dedite alla raccolta e all’alimentazione priva di carne. La cultura violenta della repressione su altre specie richiedeva l’educazione degli uomini alla prevaricazione e la soppressione dell’empatia e della sensibilità innate nei bambini. L’estensione di quel tipo di cultura della violenza anche nei confronti delle donne o delle persone di differente etnia non può che avere la stessa matrice. Eppure la fisiologia e l’anatomia della specie umana, se osservata e studiata con attenzione, mostra l’incapacità per la nostra specie di rincorrere, bloccare, uccidere e strappare con i denti pelle e carne di altri animali…”

Leggi ancora…

Annunci

La via del lupo

imgres

Non troppo tempo fa mi sono imbattuta in questo libro, una lettura che consiglio perché parla dei luoghi in cui viviamo e di animali che abbiamo il dovere di conoscere, per imparare a capire, per imparare come proteggere davvero…

“Sulla neve l’impronta del lupo non è poi così differente da quella di un grosso cane. Quattro dita nelle zampe posteriori e cinque in quelle anteriori, non è alla morfologia dell’orma che guardano gli occhi degli esperti. Piuttosto è lo spostamento nel territorio, il legame con l’ambiente a dare notizie e informazioni e soprattutto quel modo peculiare di procedere dei lupi, i quali avanzano in gruppo ponendo le zampe esattamente nella traccia lasciata da chi li precede. Sui Monti Sibillini, immersi nel silenzio di cime abitate da sempre dal Canis lupus italicus, questo affascinante quanto temuto animale ha resistito all’estinzione che sembrava doverlo ormai condannare alla scomparsa definitiva. A Castelluccio di Norcia invece alcuni esemplari resistettero, nonostante in Francia, Svizzera, Germania, Austria ed Italia settentrionale fossero ormai stati sterminati. Lo sviluppo economico italiano accompagnato dal progressivo abbandono degli ambienti montani ha fortunatamente favorito il ritorno del lupo nei suoi antichi territori…”

Read more

Noi Animali…We Animals

weanimalsbanner

Ci sono letture che più di altre rimangono nella mente e immagini che non si possono cancellare, che entrano a far parte di te. Ed è giusto così.

Una di queste è senza dubbio Noi Animali-We Animals, della fotografa e attivista canadese Jo-Anne McArthur.

“In un insettario di Montréal uno scarabeo bufalo dalla testa di giada percorre lentamente tutte le pareti della teca che lo rinchiude. Uno studio del 2013 fornisce ampie prove del fatto che gli scarabei stercorari in natura si muovono di notte percorrendo vie che tracciano seguendo il riferimento della Via Lattea, chissà se lo scarabeo intrappolato cerca comunque le stelle? Le tribune della Calgary Stampede sono gremite nonostante a luglio faccia molto caldo. Gli spettatori sono ansiosi di assistere al più grande rodeo del Canada in cui uomini virili in tenuta da cowboy rincorrono vitelli lanciati giù per uno scivolo prendendoli al lazzo per il collo, schiacciandoli a terra e legandone tre zampe insieme con una corda. A Oahu nelle Hawaii c’è il Kahala Hotel & Resort. Se siete abbastanza ricchi da potervi permettere i prezzi proposti potete garantirvi il lusso di nuotare nella laguna con sei delfini atlantici, ai quali dell’oceano è riservata solo la vista.  A Madrid un bambino di sei anni appena si allena con la muleta, il mantello rosso da torero, sta frequentando una scuola per imparare ad uccidere i tori nell’arena, se gli si chiede perché lo faccia lui risponde “perché amo i tori”…”

Read more

Roma città…Selvatica!

foto (1)

Difficile a credersi, lo so, ma anche una grande città come Roma ospita una variabilità enorme di specie…

Ne ero ovviamente a conoscenza ma la lettura di questo libro mi ha quantomai affascinata, non siamo certo i soli a saperci adattare ad ambienti diversi, anzi!

Nella periferia nord-est di Roma un tempo c’erano i leopardi: un cranio datato quattrocentomila anni lo dimostrerebbe. Non troppo lontano sono state rinvenute anche ossa di ippopotamo, elefante e rinoceronte. I fossili vegetali scoperti nella zona di Sacco Pastore danno invece l’idea delle estese foreste di querce, faggi, carpini, tigli e aceri che ricoprivano l’intera area. E non solo, resti di mammut a Monte Mario, cervi a Ponte Milvio, iene e daini sul Grande Raccordo Anulare, orsi e scimmie. Certamente una fauna del tutto diversa da quella presente ora intorno alla capitale. Eppure Roma ancora oggi è una delle città più ricche d’Europa di biodiversità: le specie di insetti sono più di cinquemila, ventidue quelle di pesci, dieci di anfibi, sedici di rettili, trentanove di mammiferi e addirittura centoventuno diverse specie di uccelli solcano i cieli della Città Eterna. Dal piccolo codibugnolo al gabbiano reale, dai piccioni ai gheppi, dai gruccioni ai pappagalli esotici. Persino un falco pellegrino può sfrecciare ad enormi velocità sulla Tiburtina incurante della partita di calcio che sta avendo luogo a Casal Bruciato…

 

Read more